Tappeti elastici con bordi imbottiti: migliori prodotti di Giugno 2021, prezzi, recensioni

Saltare e rimbalzare è una forma di divertimento e attività fisica universale. Forse, nell’uomo addirittura innata. Chi di noi non ricorda di aver trascorso ore ed ore a saltare la corda, o con il classico gioco della “campana”? Oppure, per la disperazione delle madri, interi pomeriggi a saltare sul lettone dei genitori? Per fortuna, oggi esistono anche strumenti un po’ più avanzati. Ci permettono di giocare, ma anche di svolgere un vero e proprio allenamento. Tra i più semplici, il tappeto elastico. E tra i migliori, c’è il tappeto con bordo imbottito.

Tappeto con bordo imbottito: il principio del rimbalzo

L’allenamento con il tappeto elastico, ma vale anche per l’uso ludico, è unico proprio in quanto sfrutta il rimbalzo. Quando noi compiamo un esercizio, il tappeto ci risponde con una reazione elastica che è impossibile da prevedere. Il nostro corpo deve perciò mettere in atto con estrema velocità una serie di meccanismi per adeguarsi alla situazione. Equilibrio, coordinazione, capacità di reazione, funzioni cognitive ne ricevono grande beneficio. Questo vale per qualsiasi tappeto elastico e per ogni tipologia di attività sul tappeto. Poi alcune caratteristiche e modalità di utilizzo divergono. Per questo è bene conoscere il tappeto con bordo imbottito.

Come è fatto un tappeto elastico

Vi sono due gruppi di tappeti elastici: quelli da interno e quelli da esterno. Si differenziano per varie caratteristiche, ma il bordo imbottito può essere presente in entrambi. Analizziamoli uno alla volta.

Il tappeto elastico da interno

La forma più diffusa è quella rotonda. Un telaio metallico regge il piano elastico, e poggia a terra con sei gambe. Le gambe terminano con un puntale in gomma, che funge da antisdrucciolo e da parziale ammortizzatore. La maggior parte dei piani elastici è formata da molle e ricoperta da un materiale morbido tipo schiuma. Poi vi è il telo da salto. In linea di massima, hanno un diametro fra uno e due metri. Molti tappeti da interno sono pieghevoli, qualità preziosa negli odierni appartamenti sempre più piccoli. Sul tappeto elastico possiamo lavorare rimanendo in piedi, ma anche seduti o distesi. Possiamo fare altresì vari esercizi rimanendo con una parte del corpo a terra ed un’altra appoggiata al tappeto. Il bordo imbottito è fondamentale.

Tappeto con bordo imbottito: la prima protezione

Bordo imbottito significa che la schiuma e la copertura che rivestono le molle non si limitano al piano di salto, ma arrivano sino al termine del telaio, girando anche sotto al bordo del tappeto. Le molle e la struttura metallica ne sono quindi completamente rivestiti. Il primo motivo per cui tale caratteristica è fondamentale è la protezione. Avere un tappeto senza parti metalliche esposte ci mette al riparo da possibili lesioni. Anche se poniamo attenzione, è sempre possibile che salendo o scendendo, oppure durante un rimbalzo, andiamo a toccare le molle. In tal modo siamo assai più protetti.

Tappeto con bordo imbottito: esercizi diversi

Se lavoriamo da seduti, oppure con una parte del corpo a terra, è pressoché inevitabile che qualche parte del nostro corpo vada a toccare il bordo del tappeto. Soprattutto, se ancora siamo poco esperti. Ma un imprevisto capita pure ai più allenati. Per tutti questi esercizi, il bordo imbottito è una qualità imprescindibile. Se abbiamo un tappeto di questo genere, possiamo concentrarci totalmente sui nostri esercizi senza timore di farci del male.

Il tappeto elastico da esterno

Questo secondo gruppo è progettato esclusivamente per l’utilizzo in spazi ampi, come un parco o un giardino. La dimensione è molto ampia, con un diametro di quattro o cinque metri. Una rete perimetrale montata su un telaio metallico e chiudibile tramite zip funge da protezione. Lo scopo della rete è di evitare le cadute al di fuori del tappeto. La base del tappeto è di solito più alta e per accedervi serve una scaletta. Si tratta, ovviamente, di tappeti pesanti, da utilizzare esclusivamente nel luogo ove sono installati. Anche l’altezza è notevole: intorno ai due metri.

Tappeto con bordo imbottito: modello da esterno

Anche sul tappeto da esterno si può lavorare in piedi o seduti. Rimane quindi valido anche per tale modello il valore protettivo del bordo imbottito che ricopre tutto il piano metallico. Tanto più, quanto il rimbalzo del tappeto è maggiore. Inoltre, data la presenza della rete, potremmo essere invogliati da esercizi più “acrobatici”. Ovviamente, qui non si lavora con una parte del corpo fuori dal tappeto. Ma l’accesso tramite scaletta comporterebbe in ogni caso possibili lesioni in assenza di un bordo imbottito. E’ bene evidenziare che anche i pali di supporto alla rete devono essere imbottiti.

Il bordo imbottito, sia nei tappeti elastici da interno che da esterno, funge da primaria protezione contro possibili lesioni

Conclusioni

Nell’acquisto del tappeto elastico, valutiamo la presenza delle necessarie certificazioni di sicurezza, che ne attestino la conformità alle normative internazionali. E quando lo usiamo, rispettiamone le controindicazioni. Si tratta di problematiche ossee e articolari, cardiache e respiratorie. Ne avremo in tal modo solamente tutti i benefici possibili, senza incorrere in problemi.

Laura Daveggia è nata nel 1962 a Venezia, città in cui vive. Amante di musica classica, lettura e scrittura, ha pubblicato diversi articoli, sia online che cartacei, e due libri. Per breve periodo ha collaborato con Metropolitan Magazine e Fidelity House. Attualmente collabora con il blog “The Web Coffee” e con la rivista “Profilo Salute”.

Back to top
menu
Migliori Tappeti Elastici